A T T U A Z I O N E
Didattica Digitale Integrata

In riferimento a quanto previsto dal DPCM del 3 novembre 2020 si prevede l’attivazione della didattica digitale integrata esclusivamente nei seguenti casi:
  1. scuole secondarie di secondo grado su tutto il territorio nazionale;
  2. classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado nelle regioni rosse;
  3. ordinanza regionale che determini la sospensione delle attività didattiche o la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado;
  4. ordinanza sindacale, previo parere dell’ASP, che stabilisca la sospensione delle attività didattiche o la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado.
Il dirigente scolastico può attivare la didattica digitale integrata esclusivamente nei casi di seguito indicati:
  • nel caso in cui una o più classi siano poste in quarantena con provvedimento dell’ASP e limitatamente alla durata della quarantena;
  • nel caso in cui un alunno venga posto in quarantena con provvedimento dell’ASP perché familiare convivente di un soggetto positivo e solo limitatamente a tale periodo (tale condizione va dimostrata esibendo copia del provvedimento o, in mancanza, esito positivo del tampone a cui il familiare è stato sottoposto);
  • alunni fragili (la condizione di fragilità deve essere certificata dal pediatra);
  • alunni figli di genitore in condizione di fragilità (la condizione di fragilità del genitore deve essere certificata dal medico).
Si ribadisce che non rientra tra le attribuzioni del dirigente scolastico la facoltà di attivare modalità di didattica digitale integrata in ulteriori casi non previsti da quelli citati.

Per ulteriori approfondimenti si invitano gli interessati a consultare  le FAQ del MIUR https://www.istruzione.it/rientriamoascuola/domandeerisposte.html.

Nota MIUR  DPCM 3 novembre 2020

LINK